Il declino europeo della Spagna

Il declino europeo della Spagna

Un interessante articolo di analisi proposto dal quotidiano spagnolo El Pais commenta il progressivo declino della forza spagnola in Europa. Dopo gli anni '80 e '90 di attiva e vivace presenza da parte dei raprpesentanti del governo di Felipe Gonzales, mantenutasi in qualche modo costante fino agli esecutivi di Jose Maria Aznar, sono seguiti i governi di Zapatero e l'attuale di Rajoy che non brillano certo per capacità propositiva né abilità nel creare alleanze in Europa. I brevi e laconici interventi del primo ministro Rajoy durante tutti i più recenti meeting a Bruxelles sono stati evidenziati da più osservatori come anche l'assenza al 50 per cento degli incontri europei sull'occupazione da parte del ministro spagnolo del Lavoro Fatima Banez laddove il paese è ai primissimi posti nelle classifiche sulla disoccupazione. L'articolo conclude con una certa amarezza una panoramica storica sottolineando il fatto che se negli anni '90 la Spagna stava insidiando il ruolo dell'italia nel panorama politico europeo, attualmente è tornata ad essere lo stereotipato Club Med dell'Europa.

Leggi l'articolo

Autore: 
Redazione Osmed

Copyright ©2014 Istituto di studi politici "S.Pio V"  -  Webmail