Il recupero del relitto naufragato nel Mediterraneo con centinaia di cadaveri

Il recupero del relitto naufragato nel Mediterraneo con centinaia di cadaveri

Il 18 aprile 2015 avvenne quella che è stata considerata la più grave sciagura del Mediterraneo tra i viaggi con profughi a bordo, con circa 700 morti. L'agenzia giornalistica Ansa pubblica la notizia dell'avvenuto recupero dell'imbarcazione il cui relitto verrà trasportato in Sicilia nella rada di Augusta perché vengano recuperati i cadaveri al suo interno e per compiere tutti i rilevamenti utili affinché si possa poi creare una rete a livello europeo capace di risalire all'identità dei corpi mediante l'incrocio dei dati. Tutta l'attività di recupero e analisi è stata disposta dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e vede la collaborazione dei Ministeri della Difesa, dell'Interno, della Salute, dell'Istruzione, università e ricerca scientifica e delle autorità locali con un coinvolgimento a terra di circa 150 persone.

Leggi l'articolo

Autore: 
Redazione Osmed

Copyright ©2014 Istituto di studi politici "S.Pio V"  -  Webmail