Operativa la missione dell'Ue contro il traffico di migranti

Operativa la missione dell'Ue contro il traffico di migranti

L'edizione in inglese di Al Jazeera pubblica un interessante articolo sulla missione europea lanciata nel Mediterraneo per combattere i traffici di persone. La missione è composta da sei navi militari di Italia, Francia, Gran Bretagna, Spagna e Germania che hanno il compito di pattugliare, in acque internazionali, la costa libica per catturare i trafficanti. L'operazione era stata approvata a settembre e non dispone dell'autorizzazione di ingresso nelle acque territoriali libiche. La missione, in codice Eunavfor Med, si amplierà - prosegue l'articolo - con l'arrivo ad ottobre di altre navi provenienti da Belgio, Gran Bretagna e Slovenia. Essa sarà dotata anche di quattri aerei per un totale di mille e trecento diciotto persone. La prima fase della missione (partita nella sua fase di studio a giugno) si è dedicata all'individuazione delle rotte seguite dai trafficanti e alle navi utilizzate per il trasporto, navi che prelevano i migranti da imbarcazioni più piccole, per poi lasciarli in alto mare sempre su piccoli natanti. Diciassette di queste grandi imbarcazioni "scorta" sono libiche mentre tre risultano essere egiziane. Il giornalista conclude l'articolo sottolineando i limiti dell'operazione che per avere il consenso ad entrare nelle acque territoriali libiche dovrebbe ricevere il consenso del governo libico e delle Nazioni unite. Un'eventualità questa, chiosa l'autore, che sembra ben lontana dal realizzarsi.

Leggi l'articolo

Autore: 
Redazione Osmed

Copyright ©2014 Istituto di studi politici "S.Pio V"  -  Webmail