Un nuovo muro che divide l'Europa

Un nuovo muro che divide l'Europa

Il tedesco Deutsche Welle pubblica un interessante e sintetico articolo sulla recente iniziativa del governo austriaco di erigere un muro al confine del Brennero con l'Italia. Nonostante le autorità austriache minimizzino la portata del fatto, le reazioni italiane ma anche tedesche sono state chiare: no a misure unilaterali e non concordate e no ad altri muri che separano e non accolgono. Le paure austriache sono legate, osserva il giornalista tedesco, alla chiusura della cosiddetta "rotta balcanica" che potrebbe ragionevolmente portare i profughi a cercare di entrare nel territorio dell'Unione Europea dalle coste libiche verso quelle italiane della Sicilia. Le Nazioni Unite stimano che un milione di persone potrebbe nei prossimi mesi tentare tale traversata. Dopo i muri costruiti nei Balcani anche l'Austria si barrica e lascia così all'Italia (come è già accaduto per la Grecia da parte dei paesi di Visegrad) l'incombenza di ospitare migranti e profughi in fuga da guerre e distruzioni.

Leggi l'articolo

Autore: 
Redazione Osmed

Copyright ©2014 Istituto di studi politici "S.Pio V"  -  Webmail