Turkmenistan

 

Il libro di Matteo Pizzigallo e Alessandra Frusciante, ci porta all’interno delle vicende poco note di queste cinque Repubbliche centroasiatiche ricche di storia e fascino, nate a seguito della rivoluzione bolscevica, in seno all’Unione Sovietica, e liberatesi della pesante influenza moscovita all’indomani della dissoluzione dell’URSS.

Disciolta la cortina di ghiaccio della guerra fredda, infatti, rinasceva in Asia centrale una sorta di nuovo continente composto proprio dai “cinque Stan”: paesi certamente lontani da Roma, ma sui quali si tornò improvvisamente a riflettere all’indomani dell’attacco all’Afghanistan, e della partecipazione italiana alla Coalizione internazionale contro il terrorismo. 

 

La ricerca compiuta da Matteo Pizzigallo e Alessandra Frusciante tratta in maniera efficace e mai ridondante, le recenti relazioni bilaterali fra il nostro paese e le cinque repubbliche ex sovietiche, fino agli ultimi scambi e incontri avvenuti nel 2014. Il ritmo veloce, l’estrema attualità dei fatti e il filone rilevante del settore energetico, seguito dagli autori, fa di questo libro una sintesi eccellente della rinnovata attenzione dell’Italia nei confronti di questi paesi, nei quali la via della seta è stata ormai sostituita dai gasdotti e dalle reti petrolifere, e nei quali la diplomazia italiana è chiamata ad un impegno sempre maggiore per far seguire alle intenzioni, fatti maggiormente concreti.

di Valentina Mariani

Copyright ©2014 Istituto di studi politici "S.Pio V"  -  Webmail